UNO CASE IMMOBILIARE

Elenco News

Home > Elenco news
  • ORGANIZZIAMO L'ANGOLO STUDIO?

    29/09/2017

    Per allestire una postazione dedicata ai compiti comoda, funzionale e salutare è importante tenere a mente alcuni piccoli, ma fondamentali, accorgimenti.

    La posizione

    L’ideale è poter disporre la scrivania vicino ad una fonte luminosa naturale, quindi se possiamo organizzare un angolo della camera o di un’altra stanza, cerchiamo di sfruttare al meglio la luce proveniente dalla finestra. La parte restante dell’ambiente, potrà essere organizzato con librerie, elementi contenitori e perché no, una poltroncina per l’angolo lettura che renderà il tutto più completo. Se non abbiamo a disposizione un’intera stanza o la camera da letto non è sufficientemente ampia, possiamo usufruire di spazi poco utilizzati come ad esempio la zona sotto la scala, un angolo del soggiorno o un disimpegno di poco passaggio. In questi casi può essere importante utilizzare librerie bifacciali che permettono di separare l’ambiente principale con l’angolo studio, senza appesantirlo e senza portar via luce. Infine, è importante tener conto di godere della giusta privacy che permetterà di aumentare la concentrazione durante lo studio!

     

    La luce

    Come già evidenziato, la posizione migliore per la scrivania o tavolo da lavoro, è sicuramente in prossimità di una fonte luminosa naturale. Bisogna però prestare attenzione a non organizzare lo spazio trovandosi, una volta seduti alla scrivania, l’infisso alle spalle o il riflesso e le ombre proiettate sullo schermo del pc. Per ovviare il problema dell’eventuale troppa esposizione solare o la presenza di riflessi in determinate ore della giornata, potranno tornar utili le tendine regolabili.

    Qualora non fosse possibile sfruttare una finestra, possiamo gestire la provenienza della luce, tramite lampada appoggiata sulla scrivania, (possibilmente una lampada con il braccio snodabile) oppure una fascia di led, posizionata nella parte inferiore della prima mensola, disposta in prossimità della scrivania.

     

    La scelta della scrivania

    La dimensione dipende unicamente dallo spazio disponibile e dalle proprie esigenze, le scrivanie di grandi dimensioni sono sicuramente più comode e pratiche, va però valutato l’insieme  all’interno della stanza, una scrivania ampia in un ambiente ristretto risulterà “stonata”.

    Altro elemento da prendere in considerazione, riguarda la posizione che si assumerà sedendosi alla stessa, ricordiamoci che polsi e gomiti dovrebbero mantenere un’angolazione di circa 90°, la stessa cosa vale per l’angolazione di bacino e gambe. Sarà dunque importante valutare l’altezza della scrivania e la relativa sedia.

    Infine, lo schermo del pc dovrà essere posizionato ad un’altezza tale per cui la parte superiore dello stesso, dovrà combaciare con l’altezza dei propri occhi, il tutto a distanza di circa 60 cm dal proprio viso.

    Per spazi molto ridotti, possono essere scelte scrivanie salva spazio, richiudibili, da appendere alla parete o da estrarre solo in caso di utilizzo; un valore aggiunto lo possiamo inoltre trovare nelle scrivanie con regolazione in altezza che potrà seguire la crescita del proprio figlio.

    Il colore: chiaro o scuro, purché sia neutro per non stancare!

    Indietro